LearnItalianOnLine.It

Home » Articles in Italian Language for You » Passeggiando per Genova: dall’arte al vino.

Passeggiando per Genova: dall’arte al vino.

Genova: gente di mare.

 

Una giornata di sole  dedicata alla scoperta del Bel Paese e ti ritrovi in Liguria nella città di Genova, antica repubblica marinara,  il cui cuore batte nel Porto Antico consegnato alla memoria dei mortali dalle  mani sapienti di Renzo Piano.

 

La visita all’Acquario di Genova e quella alla Mostra di pittura a Palazzo Ducale (dagli Impressionisti a Picasso)  hanno esaurito le tappe dell’itinerario ligure di Genova in 1 giorno (clicca qui per scegliere altre attrattive) . 

Prima di entrare alla mostra di  Palazzo Ducale, lo sguardo è colpito da vicoli stretti di mare che a Genova sono chiamati caruggi , e la foga del passo lesto tra le stradine genovesi è allietata dalla vista di piccoli mercatini  artigianali dove puoi degustare prelibatezze del luogo: la focaccia al pesto e crescienza,  il polpettone di fagiolini e patate  , ottimi e freschi vini bianchi come il  Pigato, il Vermentino ligure, e così via (sarebbe troppo lungo l’elenco, poi vi viene fame!) .

Sbirciando e degustando ogni sorta di bontà ligure tra le bancarelle  accanto al Palazzo Ducale, salta poi  fuori , facendo bella mostra di se con una rilegatura  in pelle verde, un trattato di Ampelografia francese scritta da  un famoso enologo francese Pierre Viala  rimesso alla vita da una casa editrice  Aga Edizioni .

La Liguria vanta una buona tradizione vinicola dovuta soprattutto alla sua posizione sul mare che la favorisce sia nel turismo, sia nei traffici marittimi, e quindi anche nella commercializzazione della produzione vinicola costiera. I primi documenti dell’esistenza della vite risalgono all’epoca romana ma fu nel Medio Evo che vi fu un notevole incremento delle zone coltivate a vite.

Oggi la Viticoltura Ligure si concentra prevalentemente sulle zone intorno a La Spezia, le Cinque Terre e buona parte della riviera di Ponente occupando circa 11.000 ettari in coltura principale e 3500 in coltura secondaria.

E fra le note di Fabrizio De Andrè  con la sua “Bocca di Rosa” vi consiglio di visitare questa splendida città capace di riscaldare l’anima di ogni visitatore. 


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: